LA RIVISTA

L'ultimo numero:


Gli altri numeri


Newsletter
Inserisci i tuoi dati per ricevere
le ultime notizie:
Accedi


Hai dimenticato la tua password?
Registrati
 

Notizie


[22/03/2018] Privacy: Abrogazione del Codice Privacy in vista dell’entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo.

Non rinunciare alla FORMAZIONE per il 2018!

Come??  SEMPLICE...  con DeA è GRATIS!

Vuoi ricevere la nostra rivista GRATIS?

è



Il Consiglio dei Ministri di ieri 21 marzo ha approvato, in esame preliminare, un decreto legislativo che, in attuazione dell’art. 13 della legge di delegazione europea 2016-2017 (legge 25 ottobre 2017, n. 163 - “Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l'attuazione di altri atti dell'Unione europea - Legge di”), introduce disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento europeo relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati.

Infatti dal prossimo 25 maggio 2018 il nuovo regolamento europeo sulla privacy entrerà in vigore e il vigente Codice in materia di protezione dei dai personali, di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, sarà abrogato. La nuova disciplina sulla privacy sarà rappresentata principalmente dalle disposizioni del suddetto Regolamento immediatamente applicabili e da quelle recate dallo schema di decreto volte ad armonizzare l’ordinamento interno al nuovo quadro normativo dell’Unione Europea in tema di tutela della privacy.

In realtà lo schema di Decreto legislativo approvato dal Governo, pur salvando alcune disposizioni del vecchio D.lgs. 196/2003, vuole evitare il rischio che al nuovo regolamento europeo si affiancasse l’attuale normativa nazionale che, in buona parte, diventerà obsoleta dopo il 25 maggio.

Così il Decreto approvato dal Governo ha lo scopo di armonizzare le disposizioni nazionali sulla privacy in vigore e quelle europee che verranno. Adesso lo schema di decreto approvato dal Governo dovrà avere i pareri del Consiglio di Stato e quelli delle commissioni parlamentari competenti.

L’intero percorso dovrebbe essere ultimato entro il 19 maggio.

Adesso c’è da sperare che a seguito della formazione del nuovo Parlamento e delle commissioni permanenti possano essere rispettati i tempi per consentire un’applicazione certa delle nuove regole sulla privacy.

 



SEMPLICE_80X20.gif

La rivista Semplice per aiutarti nel lavoro quotidiano

Abbonati subito!! Cosa aspetti??

clicca qui